L’Europa chiamò…

Nel 1996 entrai in ruolo all’università. Una grande soddisfazione, ma mai grande quanto quella di aver contribuito a una delle più clamorose vittorie di Pirro del mio Paese: l’entrata in Europa. Perché ero appena alla... Continua »

Il 1992

L’estate del 1992 fu un incubo. Stavo lavorando come una bestia alla tesi di dottorato, chiuso in una stanza con il mio computer. Mi occupavo di sostenibilità del debito pubblico e avevo creato un modello... Continua »

Lo Sme “credibile”

Motivo per il quale, nel 1987, vennero prese due importanti decisioni. Io decisi di laurearmi in Economia, e dopo aver letto un paio di capitoli della mia tesi il mio professore mi chiese, molto semplicemente:... Continua »

Il divorzio

Nel 1981, altri due shock, anzi: due divorzi. Io mi separai, senza rimpianti, dalla facoltà di Filosofia, alla quale mi ero iscritto per inerzia. Mi convinsi a farlo dopo aver letto la seconda Considerazione inattuale... Continua »

Esercizi di disincanto

  Credere è diventato facilissimo. Non è sempre stato così nella storia, ma oggi è sempre più così. Oggi quasi nulla si frappone alla nostra volontà di credere. In parte è ovvio e probabilmente è... Continua »

Antefatto

Bretton Woods Nel settembre del 1961 Robert Mundell pubblica sull’American Economic Rewiew, Una Teoria delle aree valutarie ottimali. Dieci paginette senza nemmeno una formula matematica, che avrebbero valso al loro autore il premio Nobel trentotto anni... Continua »